#

Classificazione dei vini tedeschi

Solo il 5% della produzione di vino in Germania è vino da tavola (Tafelwein e Landwein). Il resto appartiene alle cosidette categorie di qualità, che sono:

  • QbA Qualitätswein bestimmter Anbaugebiete (vini di qualità da regione determinata, simili ai nostri DOC): provenienti da 13 regioni autorizzate, con contenuto alcolico finale di almeno 7%. È ammessa l’addizione di zuccheri al mosto (chaptalisation) o di mosto non fermentato (süssreserve).
  • QmP Qualitätswein mit Prädikat (vini di qualità con predicato, simili ai nostri DOCG): anch’essi provenienti dalle 13 regioni autorizzate, non possono subire alcun tipo di arricchimento con zucchero. I QmP hanno una classificazione che dipende dal contenuto di zuccheri naturali presenti nel mosto, zuccheri che vengono misurati con i gradi Oechsle (Oe).

La classificazione sale al salire dei gradi Oe e comprende:

  • Kabinett: vino con contenuto zuccherino del mosto non inferiore a 70° Oe.
  • Spätlese (“vendemmia tardiva”): vino prodotto con uve da vendemmia tardiva la cui data di inizio è stabilita ufficialmente ogni anno. Minimo 76° Oe.
  • Auslese (“vendemmia selzionata”): vino prodotto con raccolta manuale di grappoli accuratamente selezionati in vendemmia, anche attaccati da muffa nobile (botrytis cinerea). Non inferiore a 83° Oe.
  • Beerenauslese (“vendemmia selezionata di acini”): vino di grande concentrazione ottenuto con la vendemmia manuale di acini selezionati surmaturi e/o attaccati da botrytis. Concentrazione non inferiore a 110° Oe.
  • Trockenbeerenauslese (“vendemmia selezionata di acini disidratati”): prodotti con la stessa concezione dei beerenauslese, si presentano ancora più concentrati e devono ottenere almeno 150° Oe.
  • Eiswein: uve vendemmiate ad una temperatura non superiore ai -7° con concentrazione non inferiore a 110° Oe.